Guida all'infortunio in itinere - ebook


"E' l'ora dei cani sciolti, come noi."

[Ricky Gianco, Eugenio Finardi]

Newsletter

Ricevi le novitą via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:



Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404
Skype: RenatoSavoia

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
Generali: 313008673

ENGLISH SPOKEN

Se 18 milioni di dollari vi sembran tanti

Fonte: Leggioggi.it - 18.03.2012
Condividi su Facebook

Materia: Attualitą

Abstract: La vicenda di malasanitą newyorkese Fonte: Leggioggi.it







Certo: anche ad una lettura veloce come spesso è quella “online” non può passare inosservata la notizia dei giorni scorsi (si veda, ad esempio, l’Huffington Post o Foxnews) secondo cui una giovane donna statunitense (Tabitha Mullings, trentaduenne all’epoca del fatto, assistita dall’avvocato Sanford Rubenstein) ha raggiunto una transazione con il Brooklyn Hospital Center e la città di New York per la oggettivamente incredibile somma di 17,9 milioni di dollari (9,4 saranno versati dall’ospedale, mentre 8,4 saranno a carico della città).
 

La vicenda di malasanità lascia in effetti basiti: giunta all’ospedale lamentando dolori molto forti, viene mandata a casa con una diagnosi di calcoli renali.

A fronte dei dolori un paio di telefonate al 911 non sortiscono alcun effetto, visto che a fronte della diagnosi (poi evidentemente rivelatasi errata) di calcoli, non viene previsto nessun ricovero.

Solo il giorno successivo, quando a fronte di dolori oramai insopportabili la donna viene trasportata nuovamente in ospedale, i medici si rendono conto di avere a che fare con una infezione progredita e addirittura incancrenitasi, a tal punto che poco dopo la donna entra in coma.

Per salvarla non resta altro che l’amputazione delle due mani e dei piedi
 
[per proseguire la lettura dell'articolo cliccare QUI]