"Non riesco a capire perchč le persone siano spaventate dalle nuove idee. A me spaventano quelle vecchie"

John Cage

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novitą via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




Limiti e divieti della produzione della corrispondenza tra colleghi

Materia: Codice deontologico - Fonte: avv. Giulio Pezzotta - 21.09.2009
Condividi su Facebook

Abstract: Argomento, sempre di grande attualitą, viene trattato dall'Avv. Giulio Pezzotta di Varese.

Download or Play:



L'art 28 è ancora oggi tra le norme più discusse e menzionate dell'intero Codice Deontologico Forense.

 

A volte si ha il dubbio se sia il caso di produrre in giudizio una missiva/fax  del legale avversario che potrebbe evidenziare al giudice le nostre buone ragioni, talvota ci si può trovare di fronte al fatto compiuto dell'avvenuta produzione di una nostra missiva/fax.

 

L'avvocato Giulio Pezzotta, Consigliere dell'Ordine di Varese, ha pubblicato sul sito del Tribunale di Varese un interessante contributo sul tema, avente oltretutto il non indifferente pregio dell'agevole lettura.

 

Il testo, 4 pagine in pdf, si trova QUI.

 

Mi permetto, a margine, solo una breve osservazione su un aspetto che non viene affrontato nel testo: considerato il fatto che è il Codice Deontologico a sancire entro quali, ristretti, limiti è possibile la produzione in giudizio di corrispondenza intercorsa tra colleghi, l'inveterata abitudine di marchiare a carattere "14" qualsiasi comunicazione (lettera, fax, mail) che venga inviata al legale avversario con il marchio di "Riservato - personale - non producibile", a questo punto sa più di stanca abitudine, che non di effettiva necessità.

 

Renato Savoia