"Be patient. Good things take time"

Bansky

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novità via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




Per le cause al Giudice di Pace di valore inferiore a € 1.033,00 solo il contributo unificato (Circolare 4275/10 Ministero Giustizia)

Materia: Normativa - Fonte: Ministero di Giustizia - 14.10.2010
Condividi su Facebook

Abstract: Quindi niente versamento di € 8 per diritti.



Riporto il testo integrale della Circolare che chiarisce come alle cause di valore inferiore a € 1.033,00 debba sì applicarsi, in virtù delle modifiche intervenute, il pagaemnto del contributo unificato, ma vada invece ancora applicata l'esenzione da altre spese.
 
Quindi, ad esempio, per i giudizi di opposizione a sanzione amministrativa.
 
 
* * *
 

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
Dipartimento per gli Affari di Giustizia
Direzione Generale della Giustizia Civile

Nota prot. 4275

Roma, 28 settembre 2010

Al Sig. Presidente della Corte di Cassazione
ROMA

Ai Sigg. Presidenti delle Corti di Appello
LORO SEDI

e p.c. Al Sig. Capo dell'Ispettorato Generale
ROMA

OGGETTO: Giudizio di opposizione alle sanzioni amministrative. Procedimento di cui all'art. 23 della legge 24 novembre 1981 n. 689.


 Alcuni uffici giudiziari, in particolare Uffici del Giudice di Pace, hanno chiesto chiarimenti in merito alla notifica normativa di cui al numero 2) della lettera b) del comma 212 dell'art. 2, legge 23 dicembre 2009, n. 191 (legge finanziaria 2010), che ha introdotto il comma 6-bis dell'articolo 10 del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 nella parte in cui prevede che gli atti del processo di opposizione alle sanzioni amministrative siano soggetti "soltanto al pagamento del contributo unificato, nonchè delle spese forfetizzate secondo l'importo fissato dall'art. 30" del Testo Unico delle disposizioni legislative regolamentari in materia di spese di giustizia.

 A seguito di tale riforma, pertanto, i processi in oggetto, antecedentemente esenti "da ogni tassa ed imposta", sono soggetti al pagamento del contributo unificato e dell'importo forfettario dovuto per le rettifiche a richiesta d'ufficio mentre continuano ad essere esenti dal pagamento delle altre spese di natura tributaria quali diritti di copia ed imposta di registro.

 Per quanto attiene i processi di competenza del giudice di pace, anche nella materia in oggetto, rimane vigente la specifica previsione normativa di parziale esenzione delle spese, disciplinata dall'articolo 46, della legge 21 novembre 1991, n. 374 , pertanto le cause di competenza del giudice di pace, il cui valore non eccede la somma di euro 1.033, sono soggette al pagamento del solo contributo unificato, in armonia con quanto previsto per le cause di diverso oggetto.

 Si ritiene opportuno precisare, rispondendo sul punto ad alcuni quesiti, che la procedura disciplinata dall'articolo 23 della legge 689/81 ed il relativo regime fiscale, è specifica e non può pertanto trovare applicazione in tipologie analoghe di opposizioni a provvedimenti sanzionatori dell'amministrazione pubblica.

 Si precisa altresì, richiamando sul punto la risoluzione dell'Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Normativa e Contenzioso, del 30 ottobre 2009, n. 266 che il regime fiscale delle opposizioni, di cui all'articolo 23 della legge 689/81, non trova applicazione nel giudizio di opposizione promosso ai sensi dell'articolo 615 c.p.c.

 Si pregano i Sigg. Presidenti delle Corti di Appello di portare la presente nota a conoscenza degli uffici giudiziari del distretto.

 

   Il Direttore Generale
   (firmato)