"L'ignoranza totalmente consapevole Ŕ il preludio a ogni vero progresso"

James Clerk Maxwell

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novitÓ via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404
Skype: RenatoSavoia

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




Fare causa in Italia per un sinistro avvenuto all'estero (Trib. Varese 13/01/12)

Materia: Sentenze - Fonte: Trib Varese - 20.08.2012
Condividi su Facebook

Abstract: Affermata la possibilitÓ di adire il giudice italiano - Ringrazio il Collega avv. Giovanni Ottaviano di Ragusa per l'invio della sentenza.




nocookie version. Please accept Cookie Policy and reload page to use it

Interessante sentenza del Tribunale di Varese, relativamente alla possibilità di adire il giudice italiano per un sinistro avvenuto all'estero.

 

Chiedo scusa per il rumore di fondo del video, ma non c'è stato verso di farle tacere, le cascate... :)

 

* * *

 

 

 

 

Tribunale Varese, 13 gennaio 2012, n. 55

 

 

Motivi della decisione

La domanda di parte ricorrente merita accoglimento nei limiti di cui alla seguente motivazione.

Va innanzitutto osservato che - pacifica la giurisdizione dell'adito Tribunale ai sensi del combinato disposto degli artt. 153 d.lgs 209/05, 9-11 regolamento Ce 44/01 -, deve applicarsi il diritto italiano, poiché ai sensi dell'art. 14 del regolamento Ce 864/07 le parti hanno tacitamente scelto tale diritto per la disciplina dell'obbligazione risarcitoria, avendo nei loro atti richiesto, anche attraverso il richiamo alla relativa giurisprudenza, l'applicazione di norme ed istituti giuridici inerenti il diritto italiano.

In difetto si sarebbe dovuto applicare il diritto spagnolo in forza dell'art. 4 regolamento Ce 864/07 e, qualora non vi fosse stata tale disciplina comunitaria, in forza dell'art. 61 legge 218/95, non prevedendo l'ordinamento giuridico spagnolo un rinvio, quale legge applicabile, al diritto dello stato di residenza del danneggiato: la Spagna ha, infatti, aderito alla Convenzione sulla legge applicabile in materia di incidenti stradali del 1971, che prevede l'applicazione della legge interna dello stato dove si è verificato il sinistro e, in alcune fattispecie, di quello di immatricolazione del mezzo.

Nel merito va osservato che dalla documentazione medica emerge che in data 10/07/06 la ricorrente subì un trauma: secondo il canone decisionale del giudizio civile del "più probabile che non", deve ritenersi provato che lo subì nel corso di un incidente stradale di cui fu vittima.

L'esistenza dell'incidente si desume dall'originaria denuncia della ***** ed è stata confermata nella sua successiva testimonianza.

E' proprio il fatto che nella sua denuncia iniziale la ***** non abbia riferito della presenza di persone trasportate che sgombera il campo dal sospetto di una truffa: se la denuncia del sinistro fosse stata artificiosa, ovverosia fatta per coprire le lesioni che la ***** si era procurata altrimenti , è evidente che sarebbe stata da subito enfatizzata la sua presenza sul mezzo.

Tenuto inoltre conto che la denuncia del sinistro della ***** è del giorno successivo al ricovero della *****, risulta inverosimile che si sia potuto in così poco tempo pensare ed attuare una truffa coinvolgente più soggetti.

Va, infatti, osservato che, indipendentemente dal fatto che non vi è prova che il ***** abbia denunciato il sinistro alla propria assicurazione, deve ritenersi che il veicolo coinvolto nel sinistro fosse effettivamente quello di sua proprietà: diversamente la ***** il giorno successivo al sinistro non avrebbe potuto allegare alla propria denuncia sia copia dei documenti assicurativi del mezzo, che di quello di identità del *****, copie che evidentemente aveva ottenuto con la collaborazione di questi.

Si noti tra l'altro che al personale medico - come si evince dal referto del P.S. - venne riferito nell'immediatezza dei fatti che le lesioni erano state prodotte in un incidente stradale: è alquanto inverosimile che vi sia stata - nella ***** o in suoi accompagnatori - la prontezza di attribuire ad un fantomatico incidente le lesioni che in ipotesi la ***** si era procurata altrimenti.

Di scarso significato è il fatto che manchi un rapporto di polizia riferito all'incidente, poiché la circostanza che non fossero rimasti coinvolti altri veicoli rende plausibile che non si sia ritenuto necessario sollecitare un intervento dell'autorità pubblica.

Parimenti poco significativo è che il proprietario della casa non abbia lamentato danni, poichè è stata riferita dalla ***** una dinamica dell'incidente compatibile anche con la produzione di danni nulla o poco rilevanti ad un muretto.

Nonostante le suggestioni della resistente, non ha nessun valore indiziario nemmeno la mancata presentazione della ricorrente davanti al Tribunale di ***** per l'accertamento medico: a prescindere dalla giustificazione addotta dalla *****, che era già rientrata in Italia (onde non può certo escludersi il difetto di comunicazione lamentato dalla ricorrente, anche perché nel verbale del Tribunale di ***** non si da atto del controllo di regolarità di eventuali comunicazioni), considerato che l'esistenza delle lesioni non è in discussione e che l'incombente non sarebbe consistito in un interrogatorio, non si vede quale fraudolento intento elusivo avrebbe voluto perseguire la ricorrente con la sua assenza.

La ***** anche in giudizio ha confermato l'esistenza dell'incidente e il fatto che la ***** fosse sua trasportata.

Frutto verosimilmente più di un errore di verbalizzazione, ovvero di incomprensione della domanda da parte del teste, è il fatto che in sede di testimonianza la ***** abbia riferito contemporaneamente di essere e di non essere stata la conducente del veicolo.

Ciò che rileva è, comunque, che abbia confermato che la ***** era trasportata sul mezzo in qualità di passeggera.

Nemmeno è significativo che vi sia un disaccordo tra la ***** e la ***** sulla presenza di altri passeggeri.

Nell'ambito di una narrazione che appare coerente e credibile, la ***** in sede di interrogatorio libero ha riferito, tra l'altro prima ancora che la ***** riferisse nella propria deposizione di altri trasportati, di una circostanza - che vi erano appunto altre due ragazze trasportate che erano scese prima dell'incidente - che spiegano come mai la ***** ricordi erroneamente la presenza anche di altre due passeggere.

In proposito, la circostanza che la ***** ha sempre riferito, ivi compreso nella sua denuncia iniziale (in un momento cioè in cui questo particolare era indifferente e, dunque, non poteva essere ragionevolmente oggetto di cosciente falsificazione), di essere stata trasportata sul sedile posteriore (circostanza confermata dalla *****), avvalora enormemente la sua narrazione.

L'apparente contraddizione tra le due, nel caso specifico, anche relativamente ad altri particolari (come, ad esempio, sulle cause dell'incidente), depone più per la genuinità delle reciproche narrazioni, che costituire indizio di artificiose ricostruzioni: non sarebbe costato nulla alla ***** confermare linearmente i capitoli di prova se avesse avuto intenti fraudolenti, così come la ***** avrebbe potuto agevolmente assecondare le dichiarazioni dell'amica nel suo successivo interrogatorio formale al fine di evitare contraddizioni.

Quale trasportata, dunque, la ricorrente ha diritto di ottenere il risarcimento dei danni dai resistenti.

In proposito, la c.t.u. medico-legale - le cui conclusioni sono state condivise dai c.t.p. - ha accertato un danno permanente del 24%, 11 giorni di i.t.t., 60 giorni di invalidità al 75% e 60 giorni al 50%.

Applicando la Tabella di Milano - ed operata una maggiorazione del punto del 10% in considerazione di quella gravosità che la c.t.u. ha previsto nel caso di sforzi fisici prolungati e senza ulteriori personalizzazioni, non avendo la ricorrente fornito alcuna allegazione e prova in proposito e considerata, per questo stesso motivo, la somma base prevista da tale tabella per quanto attiene all'i.t. - il danno all'attualità ammonta ad euro 110.718,30 per quello non patrimoniale permanente ed euro 7.826 per quello temporaneo.

Previa devalutazione delle somme sopra indicate al giorno del sinistro, sulla somma progressivamente rivalutata secondo l'indice I.s.t.a.t. dei prezzi al consumo, quale danno da ritardo andranno riconosciuti in via equitativa gli interessi legali sino alla data odierna: per danno non patrimoniale, secondo i criteri sopra indicati, all'attualità alla ricorrente spetta la somma complessiva di euro 132.215,66.

Quanto al danno patrimoniale emergente, la ricorrente ha depositato documenti attestanti il pagamento di euro 433,79 per spese mediche che il c.t.u. ha riconosciuto in nesso causale con le lesioni: tale importo dovrà essere maggiorato di rivalutazione monetaria e, in via equitativa, degli interessi nella misura legale sulla somma via via rivalutata secondo l'indice I.s.t.a.t dei prezzi al consumo dal 28/02/07 ad oggi (così risultando dovuta all'attualità la somma complessiva di euro 527,24).

Le spese - ivi comprese quelle per c.t.u. e c.t.p. - seguono la soccombenza.

P.Q.M.

Il Tribunale di Varese:

- condanna ***** e ***** a pagare in solido a ***** la somma di euro 132.742,90, oltre interessi legali dalla pronuncia al saldo;

- condanna ***** e ***** a rifondere in solido a ***** spese di lite, quantificate in complessivi euro 9.760,37, di cui euro 1.792,37 per spese, euro 1.618 per diritti, euro 6.350 per onorari, oltre rimborso spese generali, i.v.a. e c.p.a., nonché euro 420 per rimborso spese di c.t.u. ed euro 360 per rimborso spese di c.t.p.