"Non hai veramente capito qualcosa fino a quando non sei in grado di spiegarlo a tua nonna"

Albert Einstein

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novitą via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404
Skype: RenatoSavoia

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




Semplificare e organizzare l'attivitą: parla un Giudice di Pace

Materia: Attualitą - Fonte: Anna Salice - 20.10.2012
Condividi su Facebook

Abstract: Un bell'esempio di operativitą. Che ne dite di imitarla?



Ieri ho ricevuto una mail, come risposta al pezzo in cui comunicavo la possibilità istituzionalizzata presso il tribunale di Verona di avere al termine dell'udienza copia (non firmata dal giudice) del verbale.

 

A scriverla, un Giudice di Pace, che racconta la sua operatività.

 

Mi sembra un bell'esempio di come, senza aspettare chissà quali riforme o investimenti, sia possibile, volendo, già da domani mattina migliorare, almeno un po', la situazione-giustizia nel quotidiano.

 

Con il permesso dell'autrice pubblico qui la mail, che come leggerete si chiude con una richiesta: chissà, che magari qualcosa non si muova...

 

In ogni caso, la cosa importante è: facciamo circolare le idee!

 

Chi ha buona volontà e voglia di cambiare si faccia avanti: da parte mia metto a disposizione questo (piccolo) spazio, che in questi anni qualche lettore se l'è anche guadagnato. 

 

Intanto, grazie ad Anna Salice.

 

Renato Savoia

 

P.S.: lo so anche io che non è che cosi si risolvono tutti i problemi della giustizia italiana. Ma personalmente sono un' po (tanto) stufo dell'atteggiamento "ma-così-non-risolvi-il-problema" o "fosse-questo-il-problema".

Credo che sia il modo migliore per non cambiare niente, salvo poi continuare a lamentarsi.

Che poi: anche i 42 chilometri (e centonovantacinque metri!) della maratona sono fatti da singoli, piccoli, spesso faticosi, passi.

 

 

* * * 

 

Sono Giudice di Pace a Portogruaro e i verbali di udienza vengono redatti solo e soltanto da me con il computer (preciso che il computer è mio, la stampante è mia, e spesso compero io le cartucce per stampare ...). Anche la preparazione del verbale di prima udienza è fatto da me, senza far lavorare la cancelleria.

 

E' mia abitudine inviare sistematicamente agli avvocati i miei verbali di udienza via mail, ovviamente senza firma se non quella che scrivo come il resto del testo.

 

Ciò significa non perdere tempo a chiedere le copie in cancelleria, avere un testo chiaramente leggibile, essere disponbile con i difensori a contatti via mail per chiarimenti, spostamenti di udienza e di orario, ecc.. Tra l'altro nel mio computer tengo la agenda di tutte le mie udienze, per cui - senza consultare la cancelleria - sono in grado in qualsiasi momento di trovare quello serve.

 

Quindi basterebbe che tutti i magistrati (togati ed onorari) abbiano l'abitudine di lavorare in un certo modo e la giustizia andrebbe avanti più velocemente e meglio per tutti. Non per niente la mia "cancelleria" dice che non ci sono tre giudici di pace, ma solo due.

 

Quello che mi manca è di farmi fare un programma che mi automatizzi l'inserimento dei dati e delle frasi standard, ma forse è chiedere troppo alle mie risorse di fare anche questo. Mi sarebbe utile sapere se ci fosse qualche incentivo che sponsorizzi la creazione di un programma da mettere poi a disposizione di tutti i giudici, almeno quelli di pace che abbiano un minimo di dimestichezza con il computer.

 

Cordiali saluti

 

                                        Anna Salice