"Solo sul vocabolario la parola 'successo' viene prima della parola 'sudore'"

Anonimo

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novità via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




Il fallimento non può giovarsi dell'efficacia privilegiata delle fatture dell'impresa

Materia: Sentenze - Fonte: Mysolutionpost.it - 21.06.2013
Condividi su Facebook

Abstract: Artt.2709 e 2710 c.c.e il fallimento



Il principio generale è quello per cui nessuno può costituire prove a proprio favore, e vale anche nel campo dei rapporti tra imprenditori (art. 2709 codice civile, 1° comma: "I libri e le altre scritture contabili delle imprese soggette a registrazione fanno prova contro l'imprenditore").

 

Nei rapporti commerciali, però, vi è una importante eccezione, ovvero quella per cui "I libri bollati e vidimati nelle forme di legge, quando sono regolarmente tenuti, possono fare prova tra imprenditori per i rapporti inerenti all'esercizio dell'impresa" (così  l'art. 2710 del Codice civile).

 

Sia per il principio generale che per la sua eccezione si è posto spesso il problema della loro applicabilità al fallimento.

 

[per continuare la lettura andare QUI]