"Qualcuno ha descritto un cavillo come una questione di principio che abbiamo dimenticato"

Elwyn Jones

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novità via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404
Skype: RenatoSavoia

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




Portare un lavoratore alla depressione per inattività costa caro…

Materia: Cassazione - Fonte: LeggiOggi.it - 04.07.2013
Condividi su Facebook

Abstract: Commento a Cass. Sez. Lav. n. 16413 del 28 giugno 2013



A molti potrebbe sembrare un sogno, una di quelle cose irrealizzabili che però nonostante tutto praticamente chiunque nella vita almeno una volta ha desiderato ardentemente: essere pagato per non lavorare.

In realtà, lo sappiamo, non è così.

Analizzando la tematica  da un punto di vista giuridico, sociologico e medico sappiamo da anni che in realtà la condizione del lavoratore che non è messo in grado, concretamente, di lavorare ed è anzi costretto ad oziare, rappresenta uno stato che può portare a delle  vere e proprie patologie.

E così, per esempio, è successo al lavoratore il cui caso è giunto alla Sezione Lavoro della Cassazione, e deciso con la sentenza n. 16413 del 28 giugno 2013.

 

[Il pezzo prosegue QUI] .