"L'ignoranza totalmente consapevole è il preludio a ogni vero progresso"

James Clerk Maxwell

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novità via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




Ricade sul paziente l'incertezza sul nesso causale tra condotta del medico e danno (Cass. 15753/13)

Materia: Avvocati - Fonte: Diritto e Giustizia - 20.07.2013
Condividi su Facebook

Abstract: Mio commento per Diritto e Giustizia



Nei giudizi di risarcimento del danno da attività medico-chirurgica l'attore deve provare l'esistenza del contratto, o il contatto sociale, ed allegare l'insorgenza o l'aggravamento della patologia e l'inadempimento qualificato del medico, inadempimento che deve essere astrattamente idoneo a provocare (quale causa o concausa efficiente) il danno lamentato.

 

Rimane invece a carico del medico-convenuto la dimostrazione che non vi sia stato inadempimento oppure che, anche se vi sia stato, non si è trattato della causa del danno. Così la Terza Sezione Civile della Suprema Corte, nella sentenza... 

 

[Il pezzo continua QUI]