"L'ignoranza totalmente consapevole Ŕ il preludio a ogni vero progresso"

James Clerk Maxwell

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novitÓ via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




La sapete quella dell'assicurazione che per non pagare il compenso dell'avvocato alla fine pag˛ pi¨ del doppio?

Materia: Risarcimento danni - Fonte: Renato Savoia - 27.09.2013
Condividi su Facebook

Abstract: Ripetete con me: le spese legali vanno pagate, le spese legali vanno pagate (ad libitum)

Download Pdf



C'era una volta un avvocato, che avendo praticamente definito (residuava una quisquilia) la pratica risarcitoria del proprio cliente, chiese al liquidatore dell'assicurazione di pagare quella quisquilia e insieme le spese legali dell'avvocato.

 

Infatti, NON era un'ipotesi di indennizzo diretto, e le spese legali andavano pagate.

 

Il liquidatore, pensando di essere molto furbo, disse all'avvocato che non avrebbe pagato più nulla, confidando nel fatto che "tanto al cliente manca poco, figurati se mi fa causa, e così l'avvocato si arrangia a chiedere i soldi al proprio cliente, ahahaha".

 

Così, pensava sempre il furbo, "avrò fatto risparmiare un po' di soldini alla compagnia di assicurazione che a fine anno mi regalerà le mie caramelle preferite".

 

Il furbo non aveva però fatto i conti con l'avvocato e il suo cliente, che non ci stavano a farsi pigliare in giro dal primo aspirante furbo di turno, e fecero causa.

 

Come spesso accade, ride bene chi ride ultimo, e se siete curiosi di sapere come è andata a finire, c'è la sentenzina che potete leggere...