"Non riesco a capire perchè le persone siano spaventate dalle nuove idee. A me spaventano quelle vecchie"

John Cage

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novità via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




L'U.C.C.S è vivo e lotta (contro noi)

Materia: Avvocati - Fonte: Ordine degli avvocati Milano - 09.10.2013
Condividi su Facebook

Abstract: Inutili complicazioni da parte del Presidente della corte di Appello di Milano



Allora: l'art 14, secondo comma della legge di riforma forense (l.n. 247/12) prevede, nella sua ultima parte che

 

"Gli avvocati possono farsi sostituire da altro avvocato, con incarico anche verbale, o da un praticante abilitato, con delega scritta."

 

Bene, tutto chiaro no? Parebbe di sì, e invece no.

 

No perchè il presidente della corte d'Appello di Milano, dott. Giovanni Canzio, con la comunicazione del 30/09/2013 ha reso noto all'ordine degli avvocati di Milano "l'interpretazione condivisa dai Presidenti delle Sezioni civili di questa Corte" ovvero che

 

"la sostituzione mediante delega orale richieda necessariamente la presenza in udienza del delegante, unico soggetto legittimato a conferire verbalmente l'incarico."

 

Cioè: io delego un mio collega ad andare in udienza al mio posto ma, secondo codesta interpretazione, io dovrei essere presente in aula per conferire verbalmente l'incarico.

 

Ma vi sembra logico???

 

Rileggetevi il titolo, dai...
 
 
[Ah, per quei tre che non lo sapessero U.C.C.S.= Ufficio Complicazione Cose Semplici]