"Solo sul vocabolario la parola 'successo' viene prima della parola 'sudore'"

Anonimo

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novitÓ via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




Nella partita tra paziente e medico/struttura ospedaliera su chi grava l'onere della prova?

Materia: Cassazione - Fonte: Diritto e Giustizia - 26.05.2014
Condividi su Facebook

Abstract: Ribadito l'orientamento delle Sezioni Unite del 2008



In tema di responsabilità contrattuale della struttura sanitaria e di responsabilità professionale da contatto sociale del medico, ai fini del riparto dell'onere probatorio, l'attore, paziente danneggiato, deve limitarsi a provare il contratto (o il contatto sociale) e l'aggravamento della patologia o l'insorgenza di un'affezione ed allegare l'inadempimento del debitore, astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato. Competerà al debitore dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante.

 

Così afferma la sez. III Civile della Corte di Cassazione nella pronuncia n. 11363, depositata il 22 maggio 2014, che ribadisce il principio già espresso dalle Sezioni Unite nella nota sentenza n. 577/2008.

 

Per il testo integrale della sentenza e del commento andare QUI.