"Solo sul vocabolario la parola 'successo' viene prima della parola 'sudore'"

Anonimo

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novitÓ via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




Il pedone? Non ha sempre ragione

Materia: Sentenze - Fonte: Diritto e Giustizia - 26.09.2014
Condividi su Facebook

Abstract: Mio commento all'ordinanza della Cassazione n. 20307/14, pubblicata ieri



In materia di responsabilità civile da sinistri derivanti dalla circolazione stradale, in caso di investimento di pedone la responsabilità del conducente è esclusa quando risulti provato che non vi era da parte di quest’ultimo alcuna possibilità di prevenire l’evento, situazione questa ricorrente allorché il pedone tenga una condotta imprevedibile ed anormale, sicché l’automobilista si trovi nell’oggettiva impossibilità di avvistarlo e comunque di osservarne tempestivamente i movimenti. Tanto si verifica quando il pedone appare all’improvviso sulla traiettoria del veicolo che procede regolarmente sulla strada, rispettando tutte le norme della circolazione stradale e quelle di comune prudenza e diligenza incidenti con nesso di causalità sul sinistro.

 

Dal 2003 (Cass. n. 9620/2003) ciclicamente la Cassazione ha ribadito questo assunto (si vedano infatti Cass. nn. 21249/2006 e 9683/2011). Anche nell'ordinanza n. 20307, del 25 settembre 2014, con cui, decidendo in camera di consiglio... 

 

(Il testo prosegue, per gli abbonati, QUI)