"Ogni minuto che passi arrabbiato perdi 60 secondi di felicità"

Albert Einstein

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novità via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

WhatsApp

Tel +39 045 21030899
Webmail
Fax +39 045 21090404

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: A4000051165-LB

ENGLISH SPEAKING




I nuovi giudici, la Corte Costituzionale e la riforma che non si farà.

Materia: Attualità - Fonte: Renato Savoia - 17.12.2015
Condividi su Facebook

Abstract: I miei due centesimi



 

Dunque, sono stati eletti i giudici della Corte Costituzionale.
Con l'occasione, e sia ben chiaro al di lá dei nomi, torno su una mia idea (e non da oggi): sostengo che vada ripensata la durata dell'incarico come giudice costituzionale.

 


Infatti finché i giudici costituzionali avranno durata a tempo saranno infatti sempre eletti (e, spesso, si comporteranno) come giudici di parte

L'incarico come giudice costituzionale va reso un incarico a vita.

 

Solo così la Corte Costituzionale sarà davvero indipendente.

 

Ed eviteremo, in questo modo, anche la grottesca rotatoria delle presidenze (magari di pochi mesi) della Corte per mera anzianità e il fatto di avere presidenti e giudici emeriti con relative pensioni e bonus vari.

 

Ovviamente alla politica (tutta) fa comodo, molto comodo, avere una Corte Costituzionale non indipendente.

 


Quindi non succeder
à nulla.