"Qualcuno ha descritto un cavillo come una questione di principio che abbiamo dimenticato"

Elwyn Jones

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novitā via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




Muore prima della liquidazione del danno, per cause estranee: decurtare l'ammontare che spetta agli eredi

Materia: Cassazione 679/16 - Fonte: Diritto e Giustizia - 19.01.2016
Condividi su Facebook

Abstract: Cass. 679/16



Qualora, al momento della liquidazione del danno biologico, la persona offesa sia deceduta per una causa non ricollegabile alla menomazione risentita in conseguenza dell'illecito, alla valutazione probabilistica connessa con l'ipotetica durata della vita del soggetto danneggiato va sostituita quella del concreto pregiudizio effettivamente prodottosi, cosicché l'ammontare del danno biologico che gli eredi del defunto richiedono iure successionis va calcolato non con riferimento alla durata probabile della vita del defunto, ma alla sua durata effettiva.

 

Così la Terza Sezione Civile nella sentenza n. 679 depositata il 18 gennaio 2016.

 

La vicenda.

 

Moglie e figli agivano in giudizio nei confronti dell'azienda ospedaliera in cui era stato operato, per un intervento chirurgico per tumore...

 

Sentenza e mio commento su Diritto e Giustizia.