"L'ignoranza totalmente consapevole Ŕ il preludio a ogni vero progresso"

James Clerk Maxwell

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novitÓ via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




Si tuffa, senza saper nuotare, nel mare agitato: nessun risarcimento agli eredi

Materia: Sentenze - Fonte: Diritto e Giustizia - 23.09.2016
Condividi su Facebook

Abstract: Il mio commento a Cass. ordnanza n. 18619/16



La persona che, pur capace di intendere e di volere, si esponga volontariamente ad un rischio grave e percepibile con l'uso dell'ordinaria diligenza, tiene una condotta che costituisce causa esclusiva dei danni eventualmente derivati, e rende irrilevante la condotta di chi, essendo obbligato a segnalare il pericolo, non vi abbia provveduto.

Così ha ribadito la Sesta Sezione della Cassazione Civile, nell'ordinanza n. 18619, depositata il 22 settembre 2016.

Il fatto.

Dopo che la Corte d’appello aveva condannato il Comune a risarcire i congiunti dell'uomo annegato...

[sentenza e commento su Diritto e Giustizia]