"Qualcuno ha descritto un cavillo come una questione di principio che abbiamo dimenticato"

Elwyn Jones

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novitÓ via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404
Skype: RenatoSavoia

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




Danno morale terminale vs danno biologico terminale

Materia: Sentenze - Fonte: Diritto e Giustizia - 24.10.2016
Condividi su Facebook

Abstract: Sentenza Cass. Civ. n. 21060/2016



Diversamente dal danno morale terminale, il danno biologico terminale, quale pregiudizio della salute che anche se temporaneo è massimo nella sua entità ed intensità in quanto conduce a morte un soggetto in un sia pure limitato ma apprezzabile lasso di tempo, si è ravvisato come “sempre esistente” per effetto della “percezione”, anche “non cosciente”, della gravissima lesione dell’integrità personale della vittima nella fase terminale della sua vita.

 

Così la Terza Sezione Civile nella sentenza n. 21060/2016, depositata il 19 ottobre 2016.

 

Il fatto.

 

Dopo 10 giorni di coma dall'essere stato investito mentre procedeva con il ciclomotore nella propria corsia, decedeva il conducente e...

 

[sentenza e commento su Diritto e Giustizia]