" Ogni minuto che passi arrabbiato perdi 60 secondi di felicità"

Albert Einstein

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novità via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




Furto aggravato di energia elettrica: non è necessaria la prova della manomissione del contatore

Materia: Sentenze - Fonte: Condominioweb - 22.03.2017
Condividi su Facebook

Abstract: Commento a cura dell'avv. Francesca Consolati - Corte d'Appello Palermo, sentenza 12 ottobre 2016, n. 4322.



La configurabilità del reato di furto aggravato di energia elettrica non richiede la prova della manomissione del contatore, assumendo rilievo la sola circostanza che all'atto del controllo vi sia l'indebita fruizione di energia, con conseguente elusione degli importi non pagati, perché non registrati.

Né ha rilievo l'eventuale manomissione commessa dai precedenti detentori dell'immobile, posto che quel che rileva è l'effettivo utilizzo dell'energia, integrante il fatto della sottrazione, e non che l'agente sia sorpreso nell'atto di manomettere il contatore dei consumi.

 

Il pezzo prosegue su Condominioweb.