" Ogni minuto che passi arrabbiato perdi 60 secondi di felicità"

Albert Einstein

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novità via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404
Skype: RenatoSavoia

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




La c.d. mala gestio propria dell’assicuratore

Materia: Ordinanza cassazione 9666/18 - Fonte: Diritto e Giustizia - 27.04.2018
Condividi su Facebook

Abstract: Cassazione Civile, ordinanza n. 9666/18



Tre sono le ipotesi, da cui discendono conseguenze diverse, di c.d. mala gestio propria (quella relativa al rapporto assicuratore-assicurato/danneggiante), ovvero 1) nonostante la mala gestio ed il ritardato adempimento, il massimale resta capiente; 2) il massimale, originariamente capiente al momento dell’illecito, è diventato incapiente; 3) il massimale era incapiente anche al momento dell’illecito.

 

Ne parla l'ordinanza n. 9666/18 della Sesta Sezione Civile, pubblicata con un mio commento su Diritto e Giustizia.