"Non hai veramente capito qualcosa fino a quando non sei in grado di spiegarlo a tua nonna"

Albert Einstein

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novità via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




Decreto ingiuntivo su fattura elettronica presso il Tribunale di Verona

Materia: Procedura civile - Fonte: Ordine degli Avvocati di Verona - 22.10.2020
Condividi su Facebook

Abstract: Non più necessario l'estratto autentico del registro iva




Contenuto di parti terze non disponibile finchè non si accetta il trattamento (cookie banner)

Relativamente all'emissione di un decreto ingiuntivo, dall'introduzione della fattura elettronica si scontrano due scuole di pensiero, ovvero:

 

1) chi ritiene (in ossequio al dettato normativo del codice, scritto peraltro in un'epoca in cui la fattura elettronica neanche era pensabile) che sia comunque necessaria l'allegazione al ricorso dell'estratto autentico del registro iva da cui risultino le fatture oggetto di ricorso;

 

2) chi ritiene invece superata la questione, poichè il Sistema di Interscambio (SDI), che gestisce la fatturazione elettronica, genera documenti informatici autentici ed immodificabili, che non sono semplici “copie informatiche di documenti informatici” bensì “duplicati informatici”, assolutamente indistinguibili dai loro originali, potendo essere scaricati da “fonte / terzo qualificato”, come l’Agenzia delle Entrate, e pertanto le fatture elettroniche in formato “.xml” ed esse debbano ritenersi equipollenti all’estratto autentico delle scritture contabili previsto dall’art.634, comma 2, c.p.c.

 

Per quanto riguarda il Tribunale di Verona, è stata raggiunta una posizione univoca, secondo cui si reputa sufficiente la produzione dei file .xlm e le copie pdf delle fatture e delle ricevute.