"L'ignoranza totalmente consapevole è il preludio a ogni vero progresso"

James Clerk Maxwell

Preventivi

Newsletter

Ricevi le novità via email:
(info e privacy)

Argomenti:

Cerca:




Recapiti

Avv. Renato Savoia
Via Diaz 11
37121 Verona

NON SI EFFETTUANO CONSULENZE GRATUITE

Webmail
Tel +39 045 21030899
Fax +39 045 21090404
Skype: RenatoSavoia

C.F.: SVARNT75A06L781I
P.IVA: 03826270237

Polizza professionale
LLOYD'S: BZ7017152F

ENGLISH SPEAKING




La surroga dell’INAIL per l’indennità giornaliera e le spese mediche anticipate non presuppongono l’accertamento del danno

Materia: Sentenze - Fonte: Diritto e Giustizia - 14.02.2018
Condividi su Facebook

Abstract: Il mio commento all'ordinanza 3296/18



L'INAIL ha sempre diritto di surrogarsi nei confronti del terzo responsabile di un infortunio per le somme pagate a titolo di indennità giornaliera così come per quelle anticipate a titolo di spese di cura, perché tali indennizzi non possono essere erogati se non a fronte di fatti (l'assenza dal lavoro, la necessità di curarsi) che per la vittima costituiscono pregiudizi teoricamente risarcibili, e che di conseguenza fanno sorgere in capo ad essa il diritto ad esserne risarcita, diritto che per effetto della percezione dell'indennizzo da parte dell'assicuratore sociale si trasferisce in capo a quest'ultimo, ai sensi dell'art. 1916 c.c..  

 

I limiti quantitativi della surroga dell'Inail in caso di incidente stradale in itinere sono da sempre fonte di contenzioso.


La terza Sezione della Cassazione, nell'ordinanza 3296/18, al link con mio commento, prova a fare un po' di chiarezza.

 

Testo integrale su Diritto e Giustizia.